Un pò di me

Diciamo subito che ho superato di parecchio gli 'anta. Risalgo all'epoca gloriosa ed ormai superata dei: dischi in vinile, delle cabine telefoniche, del gettone, del servizio di leva, dei disegni tecnici con carta e china, delle calcolatrici a logica polacca inversa, dei regoli calcolatori, della guerra fredda e della Lira.

Correvano i meravigliosi anni ’70, quando i miei genitori mi regalarono la mia prima piccola scatola di soldatini d’Italia della Atlantic, nel negozio sotto casa. Li ricordo ancora bene come fosse ieri : allineati in fantasiose battaglie sul pavimento della mia cameretta, in tasca nei primi giochi di infanzia e abbandonati con l'adolescenza. Ho vissuto con tristezza la scomparsa dal mercato di quella prestigiosa azienda italiana, così come anni fa per quella della TbLine, creata da una grande persona. Un pò più grandicello entrai in un club locale, dove ho avuto l'occasione di apprendere le meravigliose tecniche dell'arte del modellismo: la pittura e l'autocostruzione. Uscii da quella esperienza molti anni dopo, avendo vissuto intensamente il particolare ambiente dei concorsi di modellismo statico. Solo molto più tardi negli anni, in avanzata maturità, ebbi occasione di avvicinarmi a qualcosa di simile e tuttavia diverso: i giochi da tavolo, il wargame ed il collezionismo dei soldatini di piombo dipinti. Devo ciò alla pazienza di un grande amico, con cui condivido anche la passione per la storia e per le escursioni, spesso quelle gastronomiche, ma non solo. Sono passati diversi anni dai primi soldatini che ho ricevuto in regalo. Vivo ora in un mondo per certi versi più semplice e tuttavia più complesso, forse freddo, sicuramente frenetico, fatto di: computer, internet, globalità mediatica, amicizie virtuali, cellulari, mp3, euro e questo meraviglioso hobby, mi accompagna ancora con entusiasmo, nelle rare occasioni di tempo libero che mi rimangono tra la famiglia, gli amici e la professione di ingegnere.

Alessandro, alias "Callaghan".

Amici

martedì 20 novembre 2012

The Panzer Grenadier Battalion - 1944


Panzer Grenadier Battalion (PGB), ovvero "Battaglione Granatieri Panzer o corazzati". La PGB era una potente unità dell'esercito tedesco, durante la seconda guerra mondiale. Era quello che potremmo oggi definire reparti di fanteria mobili, ben equipaggiati, con armi pesanti, operanti su mezzi semicingolati o talvolta semlicemente motorizzati, rinforzati inoltre di unità di supporto con armi pesanti, controcarro e anche corazzati. Venne definita dai suoi avversari, una delle migliori unità di fanteria dall'esercito tedesco durante la seconda guerra mondiale: era una unità capace anche di azioni autonome (ne furono molti gli esempi sul fronte Russo) o di semplice supporto a unità di fanteria leggera oppure di punta, in azioni offensive o difensive oppure al seguito e in supporto a unità corazzate pesanti quali le Panzer Division (PD). A differenza delle unità di fanteria motorizzate questa era equipaggiata preferibilmente con mezzi cingolati che trasportavano e seguivano la fanteria nelle azioni offensive o difensive. L'unità di battaglione di granatieri corazzati di una PD era costituita generalmente dal quartier generale di battaglione, dalle sue compagnie di supporto (medica, rifornimenti carburante, munizioni, etc), da una compagnia pesante e da tre compagnie fucilieri ("panzer grenadier") ben equipaggiati e trasportati da mezzi cingolati (nel 1944 del tipo Sd.kfz.251) , rinforzati con sezioni mortai, cannoni e mitragliatrici pesanti.
Non tutte le unità PGB nel '44 erano perfettamente equipaggiate con mezzi semicingolati: durante la fine della guerra furono addirittura ridotte a pure unità di fanti. Nel 1944 durante la battaglia di normandia, la superiorità aerea alleata aveva di fatto annullato il potenziale dei mezzi corazzati e dei semicingolati tedeschi: che divennero l'obiettivo principale delle incursioni dei caccia, pesantemente armati con armi controcarro o razzi. Un esempio storico è quanto accadde ad una delle più note e al meglio equipaggiate PD, quella denominata "divisione panzer "Lehr" della Wehrmacht che in una sola convulsa giornata di avvicinamento al fronte dopo lo sbarco alleato, perdette circa 200mezzi senza combattere e solo per incursioni aeree. Da allora la Panzer Lehr combatté a lungo in Normandia, (anche nella battaglia di Lingevres di cui i post precedenti), poi in Francia, nelle Ardenne e fino alla resa in Germania nel 1945.

L'unità di modellini appena realizzati per il regolamento BlitzKrieg COmmander, è quella della Lehr (Panzergrenadier-Lehr-Regiment 901 oppure 902  ed il  Panzer-Lehr-Regiment 130 ) ed è rappresentata nella foto iniziale: ogni basetta rappresenta una compagnia.
L'organigramma generale di un PGB è riportato di seguito ed è tratto dal sito http://www.bayonetstrength.150m.com:

The Panzer Grenadier Battalion,  1944
Battalion Headquarters
Communications Platoon
Supply Company
Company HQ
Medical Detachment
Maintenance Detachment
Fuel Detachment
Munitions Detachment
Supply Detachment
Heavy Company
Company HQ
Cannon Platoon
12-cm Mortar Platoon
Three Rifle Companies , each comprised of;
Company HQ
    Heavy Platoon comprised of;
          Platoon HQ
          Mortar Section
          Cannon Section
          Two Heavy Machine Gun Sections
    Three Rifle Platoons, each comprised of;
          Platoon HQ 
          Three Rifle Squads
Total Strength of 853 all ranks (24 Officers and 829 men)

Nessun commento:

Note

Questo sito non costituisce una testata giornalistica e quindi non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001.

Le immagini riportate a corredo degli articoli sono - di volta in volta - di mia proprietà, di pubblico dominio o comunque utilizzate per scopi non commerciali. Gli eventuali detentori di diritti possono chiederne in qualsiasi momento la rimozione dal sito.