Un pò di me e di voi

Ho superato di parecchio gli 'anta e risalgo a quella epoca gloriosa che a tutti gli anziani sembra essere irripetibile. E' stata l'epoca del benessere economico italiano, del lavoro, fondamento di questo nostro paese, ma anche di piccole cose che sono ormai scomparse: i dischi in vinile, le cabine telefoniche, il gettone, il servizio di leva, i disegni tecnici con carta e china, le calcolatrici a logica polacca inversa, i regoli calcolatori, la guerra fredda, la Lira e i soldatini.

Correvano i meravigliosi anni ’70, quando i miei genitori mi regalarono la mia prima piccola scatola di soldatini d’Italia della Atlantic. Quanta nostalgia, li ricordo come fosse ieri. Ho vissuto con tristezza la loro scomparsa dal mercato, lo stesso dolore si è rinnovato non poco tempo fa con l'oblio della TbLine, creata da una grande persona, con grandi progetti che ho avuto l'onore di conoscere e di leggere anche su questo blog. Quando pò più grandicello entrai in un club locale, ho avuto l'occasione di apprendere le meravigliose tecniche del modellismo: la pittura a pennello, l'aerografo, l'autocostruzione ed anche la complessa vita da club. Sono uscito da questa esperienza molti anni dopo, prima di partire per il servizio militare, allora decisi di aver vissuto abbastanza intensamente l'ambiente dei concorsi e del modellismo statico. Più tardi, in avanzata maturità, ho avuto occasione di avvicinarmi al wargame ed al collezionismo dei soldatini di piombo dipinti e devo ciò alla fortuna di aver conosciuto un mio grande amico: Stefano, con cui condivido la passione per la storia, per le escursioni e non solo quelle gastronomiche. Questo blog è solo una piccola parte di me, quella nascosta, il mio libro dei ricordi, di idee che forse mai realizzerò ed un piccolo contributo per questo meraviglioso hobby che mi accompagna ancora nelle rare occasioni di tempo libero che mi rimangono tra la famiglia, gli amici e la professione di ingegnere.

Alessandro, alias "Callaghan".

Amici

Traduttore automatico

mercoledì 26 febbraio 2014

Panzerbrigade 150 - Solo wargame

Quando nell'inverno del 1944 gli americani spostarono le loro stanche divisioni lungo la linea delle Ardenne non potevano essere certo a conoscenza del fatto che l'esercito tedesco stava per  realizzare proprio li la sua ultima grande offensiva all'ovest. Truppe commandos della Panzerbrigade 150 indossando uniformi alleate si erano già infiltrate nelle loro linee, controllando vari punti strategici. Il nome in codice era operazione "Greif" (o Grifone) al comando del tenente colonnello Otto Slorzeny. Era solo l'inizio della fine, ma il resto è storia. Questo è un piccolo tentativo di gioco in solitario con alcune regolette fatte in casa: eccone il brevissimo resoconto fotografico.

When in the winter of 1944, the Americans moved their weary divisions along the line of the Ardennes, could not be certainly aware of the fact that the German army was right there to make his last great offensive in the west. Troops Panzerbrigade 150 commandos wearing allies uniforms  had already infiltrated their lines, controlling various strategic points. The code name was "Operation Greif" (or Gryphon) under the command of Lieutenant Colonel Otto Slorzeny. It was just the beginning of the end, but the rest is history. This is a small attempt to solo play with some homemade simple rules: here's the brief photographic guide.

 
Commandos of the Panzerbrigade 150 in ambush

The U.S. column approaching the Crossroads..
The Americans do not suspect anything
PANZERSCHRECK!!..bat the M10 is destroyed
GO GO!! The half-tracks pointing straight at the core of resistance by destroying it
MG!! The American infantry jumps down from the truck and opened fire
Furious fighting under the fire of the German MG
IT 'S OVER! The Germans were captured, but the losses are considerable.











5 commenti:

Phil ha detto...

Nice looking game!

Jay ha detto...

Nice close encounter of two enemies! Thanks.

Alessandro "Callaghan" ha detto...

@Phil & Jay:

Thank you very much!!!

sricatti ha detto...

Bel report!
Curiosità: come mai non hai usato BKC per lo scenario che hai provato? Poco adatto?

Ciao

Alessandro "Callaghan" ha detto...

Bkc e' perfetto per 2. per il solitario manca l'IA: cosi' ho usato un mix di Bkc e csf per le regole generali ma con una variante per il secondo giocatore muto, una tabella inventata degli avvenimenti. per intenderci io tenevo i tedeschi quindi ho perso anche contro me stesso..:-)

Note

Questo sito non costituisce una testata giornalistica e quindi non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001.

Le immagini riportate a corredo degli articoli sono - di volta in volta - di mia proprietà, di pubblico dominio o comunque utilizzate per scopi non commerciali. Gli eventuali detentori di diritti possono chiederne in qualsiasi momento la rimozione dal sito.