Un pò di me

Diciamo subito che ho superato di parecchio gli 'anta. Risalgo all'epoca gloriosa ed ormai superata dei: dischi in vinile, delle cabine telefoniche, del gettone, del servizio di leva, dei disegni tecnici con carta e china, delle calcolatrici a logica polacca inversa, dei regoli calcolatori, della guerra fredda e della Lira.

Correvano i meravigliosi anni ’70, quando i miei genitori mi regalarono la mia prima piccola scatola di soldatini d’Italia della Atlantic, nel negozio sotto casa. Li ricordo ancora bene come fosse ieri : allineati in fantasiose battaglie sul pavimento della mia cameretta, in tasca nei primi giochi di infanzia e abbandonati con l'adolescenza. Ho vissuto con tristezza la scomparsa dal mercato di quella prestigiosa azienda italiana, così come anni fa per quella della TbLine, creata da una grande persona. Un pò più grandicello entrai in un club locale, dove ho avuto l'occasione di apprendere le meravigliose tecniche dell'arte del modellismo: la pittura e l'autocostruzione. Uscii da quella esperienza molti anni dopo, avendo vissuto intensamente il particolare ambiente dei concorsi di modellismo statico. Solo molto più tardi negli anni, in avanzata maturità, ebbi occasione di avvicinarmi a qualcosa di simile e tuttavia diverso: i giochi da tavolo, il wargame ed il collezionismo dei soldatini di piombo dipinti. Devo ciò alla pazienza di un grande amico, con cui condivido anche la passione per la storia e per le escursioni, spesso quelle gastronomiche, ma non solo. Sono passati diversi anni dai primi soldatini che ho ricevuto in regalo. Vivo ora in un mondo per certi versi più semplice e tuttavia più complesso, forse freddo, sicuramente frenetico, fatto di: computer, internet, globalità mediatica, amicizie virtuali, cellulari, mp3, euro e questo meraviglioso hobby, mi accompagna ancora con entusiasmo, nelle rare occasioni di tempo libero che mi rimangono tra la famiglia, gli amici e la professione di ingegnere.

Alessandro, alias "Callaghan".

Amici

domenica 13 novembre 2011

2- Parker's Crossroads - 1944


Nell'immagine accanto (1 vedi nota) è rappresentata una sezione della mappa militare americana originale del settore del XVIII corpo paracadutisti (gli americani sono rappresentati in colore blu) ed i movimenti della 2ss panzer division e 560 divisione Volks grenadier (in colore rosso) tra il 21 ed il 23 dicembre del 1944 in Belgio nel settore delle Ardenne. Al centro vi è la posizione di Baraque de Fraiture (poi "Parker's Crossroads") e quella delle varie unità a sua difesa. La posizione è essenzialmente un gruppo di case di pietra e truppe trincerate all'incrocio di due strade la N15, principale, che collega Bastogne con Liegi per Manhay e la N28, secondaria, Samree- Vielsalm. L'incrocio si trova su un rilievo di circa 600m circondato da piani innevati delimitati da densi boschi. Al 21 dicembre in piena fase avanzata della Battaglia delle Ardenne, la 2ss divisione panzer di riserva si trova a circa 6km da Baraque de Fraiture: gli viene ordinato di contattare gli avversari e avanzare verso Liegi, gli elementi della 560 Volksgrenadierdivision che hanno raggiunto i boschi vicino l'incrocio hanno ricevuto una battuta d'arresto perdendo in pochi minuti interi plotoni; l'incrocio difeso da elementi della 106divisione di fanteria americana in ritirata e elementi della 7 divisione corazzata diviene ora il cardine principale dello scontro. La potente arma aerea americana che fino allora aveva il completo controllo aereo dei cieli d'europa era forzatamente comandata a terra dal cattivo tempo che da settimane imperversava, ma anche ai mezzi e ai potenti carri armati tedeschi mancava momentaneamente la benzina... Vedremo quindi a breve la composizione delle varie unità coinvolte le "army list" e sucessivamente l'evolversi degli eventi storici nella battaglia ...(continua)

(1 This image is in the public domain because it contains materials that originally came from theUnited States Army Center of Military History, subject to the following qualification)

Nessun commento:

Note

Questo sito non costituisce una testata giornalistica e quindi non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001.

Le immagini riportate a corredo degli articoli sono - di volta in volta - di mia proprietà, di pubblico dominio o comunque utilizzate per scopi non commerciali. Gli eventuali detentori di diritti possono chiederne in qualsiasi momento la rimozione dal sito.